View this post on Instagram

GIORNO 1

A post shared by Denis Cappellin (@dcappellin) on

È iniziato tutto per gioco. Una foto al giorno per sette giorni e poi mi sono talmente divertito che ho deciso di continuare fino a quando avrò voglia. Da quel 6 dicembre 2017 ho iniziato a pubblicare i miei scatti giornalieri su Instagram https://www.instagram.com/dcappellin/, però ad un certo punto e precisamete arrivato allo scatto #duecentosessantasei (266) ho capito che Instagram mi stava un po' stretto. In passato mi è capitato spesso che un momento speciale avrebbe potuto essere immortalato e fatto diventare la mia foto del giorno, ma era troppo intimo e privato per essere sbandierato ai quattro venti su un social. Non pensate male, ma la riservatezza di uno scatto potrebbe essere dovuta ai più svariati motivi, quindi la foto #duecentosessantasette (267) di fatto è stata l'ultima che chiude la serie "ogni-giorno-su-instagram".

Adesso continuo a fare scatti ogni giorno, ma le regole sono cambiate. Non ho più la pretesa di pubblicarle su un social e aggiungo sempre una descrizione, un pensiero, una riflessione che descriva il momento. Solo alcuni scatti, con la relativa descrizione diventano pubblici qui sul mio blog. Anche la descrizione vi accorgerete che ha subito una variazione. All'inizio era una catena di hashtag. Simpatico, ma limitante. Ora certo di inserire un pensiero più articolato e mi sembra che gli scatti abbiano assunto una qualità migliore e questo mi piace. Voi cosa ne pensate?

Non ho pretese di insegnare a nessuno come si scatta una foto, perchè non credo di essere all'altezza di tale ruolo. Mi piace solo scattare foto. Punto. Lo faccio fin da quando ero piccolo, quando ancora c'erano i rullini e lo sto riscoprendo in questo periodo dopo anni di assopimento. Chi mai saprà quanto resisterò con il mio progetto "UnaFotoAlGiorno". Un giorno? Un mese? Un anno? Mah... staremo a vedere.

Se avete voglia di commentare gli scatti che inserirò, fatelo con la massima libertà. Sarò felicissimo di ricevere tutte le vostre critiche.